NEWSLETTER
Iscriviti alla newsletter e rimani aggiornato con L’Albero dei Sentieri!
Le Opere Erickson fonte di spunti, ispirazione, noia e divertimento, apprendimento cosciente e, soprattutto, inconscio, Erickson, Astrolabio, 2005
Milton Erickson nacque nel 1901 e crebbe in una fattoria del Middle West. L'infanzia fu segnata da molteplici handicap. Fin dalla nascita era affetto da cecità cromatica (daltonismo), dislessia e mancanza del ritmo, fu colpito due volte da poliomelite. La prima volta all'età di diciasette anni fu molto grave: dopo essere uscito dal coma rimase paralizzato. Fu curato in casa sua, nella fattoria.....ACQUISTA

Milton scoprì da solo il fenomeno della focalizzazione ideodinamica indiretta: "era seduto su una sedia a dondolo e sentiva un forte desiderio di guardare dalla finestra. La sedia si mise a dondolare nonostante egli fosse completamente paralizzato! Prese a utilizzare il suo metodo muscolo per muscolo, articolazione per articolazione. L'osservazione della sorellina che imparava a camminare gli servì da stimolo e da guida nella sua rieducazione. Imparò a camminare con le stampelle e a tenersi in equilibrio sulla bicicletta; ottenuta una canoa, alcune provviste indispensabili per un equipaggiamento da campeggio e una manciata di dollari, progettò un viaggio per un'intera estate...

In seguito studiò medicina specializzandosi in psichiatria (ma fu fondamentalmente autodidatta nell'ipnosi) e insegnò nel Michigan. Si dedicò alla professione privata: lontano dai conformismi universitari, ma con il solido sostegno del suo background scientifico, poté finalmente fare quello che voleva, dando libero sfogo alla sua creatività. Nel paese si incominciò a parlare di un modesto psichiatra di Phoenix che riceveva pazienti a casa propria, li faceva attendere in salotto in mezzo ai suoi otto figli, e otteneva risultati incredibili... 
La voce arrivò fino a Palo Alto dove l'antropologo Gregory Bateson stava conducendo delle ricerche sui 'paradossi dell'astrazione nella comunicazione' (vedi doppio legame). Beteson mandò due suoi collaboratori – Jay Haley e Richard Weakland – da Erickson. Jay Haley rimase affascinato da questo ipnoterapista e scrisse "Terapie non comuni" che consacrò Erickson come un maestro di terapia strategica.
Lo scopo dell' ipnosi di Milton Erickson era quello di accedere al potenziale inconscio e alla capacità naturale di apprendere del cliente, depotenziando al contempo i suoi schemi limitanti.


Tutti i contributi originali di Milton H. Ericksdh alla teoria e alla pratica dell'ipnosi: un'autentica miniera di dati inestimabili a cui i ricercatori e i clinici potranno attingere con estremo profitto.

Erickson è stato la personalità più creativa e geniale nel campo dell'ipnosi e dell'ipnoterapia e i suoi scritti si collocano a buon diritto tra le opere classiche sull'ipnosi

Nel primo volume delle Opere del grande ipnoterapeuta sono riuniti gli scritti che meglio rappresentano lo sviluppo dell'approccio ericksoniano indiretto, non-autoritario, alla suggestione.

Sono suddivisi secondo quattro specifici campi di interesse:

La natura dell'ipnosi;

  • I diversi approcci all'induzione di trance;
  • La natura della suggestione;
  • I possibili pericoli dell'ipnosi
ACQUISTA




L'Albero dei Sentieri
SEGRETERIA E FAX +39 0544/995178 - E-mail: info@alberodeisentieri.it
Privacy Policy P.Iva 02010850390
TITANKA! Spa © 2012